IT

Intervista a Josephine Bruno, giovane campioncina al femminile che sogna di correre in SBK.

Dopo gli ottimi risultati nelle prove libere, siamo andati ad intervistare Josephine Bruno, la promessa di Varese che tanto ci ha emozionato per il suo stile di guida e la sua spregiudicatezza. 

Quando siamo arrivati al box c’erano i quattro meccanici della squadra Gradara Corse che stavano ascoltando attentamente i suoi consigli su come ottimizzare il setup in vista delle qualifiche che si sarebbero tenute poche ore dopo, la proprietà di linguaggio quando parla di pistoni, frizione e ammortizzatori è quella di un pilota esperto, mentre la voce, il fisico e la lunga chioma di capelli raccontano tutt’altro. 

Ma andiamo a conoscere Josephine:

Complimenti per le prove libere, raccontaci un po’ di te: da dove vieni e quanti anni hai?

Ho 14 anni, sono di Varese. Grazie per il complimento, ma non sono completamente soddisfatta, è vero che sono prima nella classifica generale femminile, e ottava in quella assoluta; tuttavia sento che avrei potuto fare qualcosa di più, mi è mancato un pizzico di feeling ma proverò a rimediare nelle qualifiche di questo pomeriggio.

Sei molto giovane, raccontaci un po’ delle tue esperienze, ti piace questa pista?

Per me questo è un ritorno, nel senso che la prima volta che ho messo le ruote su una pista internazionale è stato a dodici anni proprio qui al Mugello, è una pista bellissima dove si va forte e si pennellano curve sulle colline mugellane. La stagione sta andando abbastanza bene, ci vogliono testa e cuore e tanta voglia di vincere per andare avanti in questo mondo, ma la mia esperienza per ora è molto positiva.

Cosa vuoi fare da grande?

Uno dei miei obbiettivi futuri sarebbe sbarcare in Superbike, ma per ora rimane un sogno che coltivo passo passo e senza fretta. Perché la regola principale per riuscire a farsi strada in questo settore è quello di avere la pazienza necessaria. Poi il talento ed un po’ di fortuna ti aiutano come in tutto.

Quello del motociclismo è un mondo che sembra completamente saturato dagli uomini, in questo periodo di “mee too” vuoi dire qualcosa al panorama femminile del Motorsport?

Io sinceramente spero di poter continuare per tutta la mia carriera a correre con i ragazzi, in gara è un po’ più difficile perché spesso sono molto aggressivi, ma è proprio quello che aggiunge sapore, e vi assicuro che ci sono un bel po’ di ragazze agguerrite che menano in staccata come uomini. Per quanto riguarda il dominio maschile mi sento di poter dire che il gap qui nelle moto si riesce ad appianare abbastanza.  Il percorso che ci porta al professionismo è identico a quello che devono seguire i piloti, anzi se sei una ragazza ed hai talento, essendo in poche, c’è la possibilità di emergere di più rispetto ai ragazzi che hanno ovviamente molta più concorrenza.

Un consiglio ad una tua eventuale futura collega che voglia buttarsi in questo mondo?

Nella vita bisogna provare tutto, se poi la passione nasce, bisogna saper perseverare. Io mi alleno tre volte a settimana, faccio corpo libero ed una ginnastica specifica per l’equilibrio, ho una dieta bilanciata e vivo questa esperienza come una professione. Alle ragazze che hanno paura dei pregiudizi legati al mondo dei motori dico di fregarsene ed andare avanti per la loro strada a gas spalancato.

Ci congediamo così, salutati dal sorriso spensierato, e dallo sguardo determinato di una giovanissima ragazza che ci ha trasmesso tutto il suo entusiasmo nei fugaci minuti della nostra intervista; mentre di sottofondo, tutti i rumori dal trapano ai motori che sfrecciano sul rettilineo, fanno quasi da contrasto ai modi dolci ed un po’ imbarazzati tipici di una sua qualsiasi coetanea. In bocca al lupo per tutto dallo staff della sala stampa.

 

 

 

 

La Coppa Italia Velocità arriva al Mugello Circuit questo weekend per il terzo round 2022. Partecipazione record con ben oltre 400 piloti che occuperanno le griglie dei trofei Pirelli CupDunlop CupTrofeo Italiano Amatori e Yamaha R3 Cup in un caldissimo fine settimana.

Tornano le doppie gare con dieci griglie che daranno il via alle competizioni sprint da sette giri già sabato dalle 14.20 mentre domenica dodici gare da dieci giri a partire dalle 9.35.

Appuntamento da non perdere anche per i più piccoli. Il Comitato Regionale Toscana e la Scuola Federale Velocità saranno presenti il 3 luglio nel piazzale del Mugello Circuit per un corso teorico pratico dedicato ad attività di primo avviamento della guida di minimoto e moto a marce, a partire dai 6 anni.

I corsi sono aperti ai possessori di Tessera FMI e certificato medico di sana e robusta costituzione.

Per la prenotazione compilare il modulo scaricandolo dal sito FMI TOSCANA (clicca qui per i moduli) e inviarlo poi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Possibilità di noleggio moto e abbigliamento su prenotazione scrivendo alla mail: scuola.motociclismo@federmoto.it

E’ stata un successo sotto ogni punto di vista la Gran Fondo del Mugello “La via del latte” organizzata dall’ASD Mugello Toscana Bike col patrocino dei Comuni toccati dal tracciato e il supporto dell’Unione montana dei Comuni del Mugello. Sono partiti in 1000 alle 7.30 in punto dalla linea del traguardo dell’autodromo di Scarperia, il via dato da Francesco Moser che la sera della vigilia, presso una gremita Sala della Vecchia Propositura in piazza dei Vicari a Scarperia, ha presentato il suo ultimo libro scritto in collaborazione col giornalista Beppe Conti: “Francesco Moser, un uomo una bicicletta”, presente anche il sindaco Federico Ignesti.

Dopo il giro dentro l’autodromo i ciclisti sono sfilati dipanandosi sui quattro percorsi (tre stradali e uno gravel) e chi ha voluto (sul percorso medio e su quello lungo) si è impegnato anche nelle cronoscalate con classifica.


Poi all’arrivo in Piazza dei Vicari a Scarperia è stata una vera e propria festa, con musica e fotografie per tutti, e subito a seguire il ristoro che è stato un vero e proprio pranzo da ristorante a base di tortelli mugellani, tagliatelle e prodotti tipici locali tra cui quelli della Mukki Latte. Unanime l’apprezzamento dei ciclisti per i percorsi, l’ambiente e l’organizzazione, testimoniato oltre che durante l’evento, anche dai messaggi e dai commenti sui social che continuano in queste ore ad essere postati.
Le premiazioni seguite subito dopo, alla presenza dell’assessore alla cultura del Comune di Scarperia e San Piero a Sieve Marco Casati, hanno celebrato la vittoria di squadra nella classifica per partecipazione della Campi 04 davanti ai padroni di casa della Asd Mugello Toscana Bike (che però in quanto organizzatori hanno rinunciato al premio), poi la Ciclistica Viaccia, la ciclistica Valdombrone e la Bicisporteam Firenze per una classifica che ha visto la partecipazione di 194 società diverse.


Ancora a un atleta della Campi 04, Massimo Pampaloni, è andata la bicicletta a sorteggio offerta da Decathlon.
Premiati anche i singoli atleti delle varie categorie per la somma dei tempi nelle due cronoscalate con le maglia appositamente create della Rich di San Marino. Vincitori assoluti sono stati Vanessa Santeliz del Team La Fuga tra le donne e Piero Lorenzini dell’Argon 18-Hicari–Stemax tra gli uomini. Per loro una coppia di copertoni Continental altamente performanti offerti da Borghetti Gomme, mentre alle donne premiate sono andati i prodotti di Antonella Porretto.
Si sono svolte anche le premiazioni finali del Tuscany Bike Challenge, il circuito che faceva classifica per la somma delle cronoscalate degli eventi Gran Fondo della Versilia, Tuscany Extreme, Gran Fondo Edita Pucinskaite e appunto la Gran Fondo del Mugello. Anche in  questo caso, per tutti i vincitori di categoria, la maglia celebrativa dedicata.


E’ stato scelto di posticipare al momento delle premiazioni e non alla partenza il minuto di silenzio dedicato a Christian Brusco, il 47enne scomparso per un malore fatale proprio durante l’evento di Pistoia.
Ora per l’ASD Mugello Toscana Bike il prossimo evento organizzativo è la ciclostorica “Nelle terre di Giotto - La Pittorica” in programma il prossimo 4 settembre e per cui le iscrizioni sono già aperte sul sito ufficiale della società e su Endu.

I motori ruggisco e i piloti sono carichi. Alla Coppa Italia si registra il tutto esaurito con ben 400 partecipanti che si sfideranno in ben 11 categorie sui saliscendi del tracciato toscano. 
 
Il weekend del 1-2-3 Luglio è dedicato a tutti gli appassionati di motociclismo con il terzo round della Coppa Italia. Queste le classi:  Trofeo Amatori 600 Base - Trofeo Amatori 600 Pro - Trofeo Amatori 1000 Base - Trofeo Amatori 1000 Avanzata  Trofeo Amatori Superior Cup - Trofeo Amatori Rookie Challenge - Yamaha R3 Cup - Pirelli Cup 600 Pirelli Cup 1000 - Dunlop Cup 600 - Dunlop Cup 1000
 
Si ricorda  che il circolare prato è GRATUITO per dare a tutti la possibilità di godersi le corse con amici e famiglia al fresco del verde del Parco del Mugello approfittando delle aree attrezzate per picnic e barbecue
 
 
 

Divertimento, sicurezza e qualità. Questo è lo slogan della Granfondo del Mugello in programma Domenica 26 giugno 2022 a Scarperia. Si parte dal rettilineo del Mugello, dove ad inaugurare la gara sarà un’ospite d’eccezione, Francesco Moser. Per questa edizione sono previsti circa 1000 partecipanti ed il ritrovo sarà alle 6.30 di domenica mattina in piazza dei Vicari a Scarperia, poi dalle 6.40 cominceranno ad arrivare le bici in circuito per schierarsi sul rettilineo. 

Le bici potranno entrare fino alle 7.30.

Si parte con il semaforo verde e si percorre per intero l'anello dell’autodromo, dopodichè si esce dal circuito per cimentarsi nella propria pedalata, i partecipanti potranno optare tra quattro differenti percorsi ben segnalati, di cui 3 stradali ed uno dedicato agli amanti dello sterrato: corto di 50 km, medio di 80 km o lungo di 127 km (con due tratti cronometrati agonistici completamente chiusi al traffico) percorso gravel di 70 km.  

Usciti dall’autodromo coloro che avranno scelto il percorso gravel gireranno a sinistra verso Figliano e dopo aver percorso un anello di circa 65 km prevalentemente sterrato tra i comuni di Borgo San Lorenzo e Vicchio torneranno all'arrivo di Scarperia, gli altri ciclisti si dirigeranno invece verso il lago di Bilancino e percorreranno tutta la riva sud fino a Cavallina, dove chi ha scelto il percorso corto girerà a destra verso Galliano e Sant'Agata per giungere all’arrivo di Scarperia.

Tutti gli altri proseguiranno per Barberino dove inizieranno la prima impegnativa scalata in direzione Passo della Futa i cui primi 5 km costituiranno il primo tratto agonistico cronometrato e saranno completamente chiusi al traffico. Giunti in cima al passo percorreranno una rapida discesa fino al centro storico di Firenzuola dove ci sarà un punto ristoro, da qui si dividono anche i due percorsi: coloro che avranno scelto il medio si dirigeranno verso il Passo del Giogo e successivamente dopo una rapida discesa giungeranno all’arrivo di Scarperia. Per i più temerari invece che avranno scelto il percorso lungo, dallo snodo di Firenzuola si proseguirà in direzione Imola e dopo circa 11 km in località Coniale i partecipanti svolteranno a destra per percorrere interamente il Passo del Paretaio giungendo così a Palazzuolo sul Senio, dove nel centro storico ci sarà il secondo ristoro. Dopo circa 3 km comincerà la salita del Passo della Sambuca che costituirà il secondo tratto cronometrato anch’esso completamente chiuso al traffico. 

Una volta giunti in cima al passo i ciclisti dovranno affrontare ancora la breve ma dura salita del Prato all’Albero per poi tuffarsi in una lunga discesa che li condurrà a Borgo San Lorenzo da cui con gli ultimi sforzi si raggiungerà l’arrivo di Scarperia nella fantastica cornice di Piazza dei Vicari al quale conducono tutti i percorsi sopra citati. 

 

CIV MUGELLO, Si conclude la seconda giornata di gara del Campionato Italiano di Velocità in maniera eclatante, un weekend competitivo con un’alta partecipazione di piloti e gare strepitose, con tanti sorpassi e duelli all’ultimo sangue. Vediamo confermare in entrambe le gare il primo posto della SuperBike per Michele Pirro, al secondo Andrea Mantovani e infine Niccolò Canepa. In Moto3 vince il mitico Guido Pini, mugellano 100% e talento azzurro, che è riuscito a rimediare al quarto posto nella gara di Sabato. Mentre nella preMoto3, la culla dei giovani talenti, come Edoardo Boggio che vince il primo posto, seguito da Uriarte Brian e da Pugliese Giulio.


Qui sotto sono presenti gli altri risultati.

APRILIA RS 660 CUP

1° TOTH Maxwell
2° MONGIARDO Francesco
3° DE GRUTTOLA Giuseppe

NATIONAL TROPHY 600

1° CASTELLINI Niccolò
2° FARINELLI Roberto
3° TUCCI Andrea

NATIONAL TROPHY 1000
1° SALVADORI Luca Maurizio
2° GIANNINI Gabriele
3° SALTARELLI Simone

SS300
1° CARNEVALI Leonardo

2° VANNUCCI Matteo

3° NUNEZ ROLDAN Oscar

SUPERBIKE
2° MANTOVANI Andrea
3° CANEPA Niccolò

MOTO3
1° PINI Guido
2° FERRANDEZ BENEITE Alberto
3° MICELI Biagio

PREMOTO3
1° BOGGIO Edoardo Michele
2° URIARTE DIEGO Brian
3° PUGLIESE Giuseppe

SS600
1° BALDASSARRI Lorenzo
2° SPINELLI Nicholas
3° FERRARI Matteo

Il sole splende sul Mugello, la terza edizione del Campionato Italiano di Velocità è iniziata nelle migliori condizioni qua nella mitica pista del Cavallino. I motori ruggiscono e i piloti sono carichi, vediamo che la situazione al circuito è perfetta, i paddock sono pieni e l’entusiasmo è alle stelle, si registra che il numero dei piloti sia salito a 215 ed è in continuo aumento. Si prevede che nella prossima edizione di Coppa Italia del 3 Luglio ci sarà ancora più affluenza di piloti, intorno ai 400 partecipanti. Questo rappresenta un vero e proprio successo, si prospettano gare interessanti e soprattutto molto competitive. Andiamo così ad intervistare Simone Folgori, responsabile eventi della Federazione Motociclistica Italiana.

Questa magnifica giornata, ricca di entusiasmo e di tante presenze è anche merito vostro, ci parli della vostra organizzazione FMI?
Sì, siamo soddisfatti del lavoro che siamo facendo in questo weekend di gare e ci stiamo impegnando tanto per continuare in questa direzione. Federmoto è composta da due anime, la prima riguarda l’organizzazione e la gestione di tutto il campionato, dalla parte sportiva fino a quella di comunicazione e marketing; mentre la seconda è più tecnica ed è indirizzata alla preparazione dei Talenti Azzurri, quindi finalizzata alla crescita e al miglioramento dei giovani piloti emergenti. Infatti, il nostro progetto comprende venticinque piloti, dai dieci ai diciotto anni, e li accompagniamo in una crescita tecnica dai campionati nazionali fino a quelli mondiali. A livello nazionale ci occupiamo di preMoto3, Moto3 e SS300 con giovani emergenti come Guido Pini, Matteo Vannucci e molti altri; mentre a livello mondiale abbiamo nella Moto3, Bertelle e Surra, nel Mondiale Junior, Lunetta e Farioli, nella SBK, Patacca, e molti altri piloti talentuosi che accompagniamo in tutta la loro crescita fino all’esordio nel Mondiale. È una vera e propria scuola di formazione la nostra, da dove sono usciti piloti oggi in MotoGP, come Luca Marini e Fabio Di Giannantonio.

Secondo lei si può parlare di un futuro campione nei prossimi anni?
Abbiamo tantissimi prospetti che riguardano piloti di una fascia di età dai dodici ai sedici anni, quindi una fascia generazionale estremamente giovane e in continua evoluzione di apprendimento e di capacità tecnica. È difficile trarre delle stime su chi sarà il futuro campione della Motogp, poiché sono tante le variabili prese in considerazione, abbiamo piloti che ottengono risultati importanti fino ai sedici anni e poi non danno più quel rendimento necessario per poter sfondare. L’ aspetto fondamentale da prendere in considerazione per definire i meriti di un pilota è la costanza nel conquistare i risultati desiderati nel lungo periodo, proprio per questo bisogna trovare un equilibrio tra il tempo necessario a farli crescere e risultati attesi
che portano avanti.

Ci può fare un’analisi sull’andamento delle gare di questo weekend CIV?
Questo fine settimana di gare si delinea in maniera molto interessante, perchè abbiamo piloti molto veloci, gare con tantissimo equilibrio che si definiscono quasi sempre all’ultimo giro e una grande opportunità per tutti di provare a vincere. Questo evidenzia il fatto che alla base c’è un’idea sportiva corretta, che possa rendere la competizione molto equilibrata e con poche differenze di prestazioni tra i vari team.

Guardando alla MotoGP, quali sono le sue considerazione sul Mondiale 2022? E che ruolo abbiamo noi italiani?
Sicuramente non ci annoiamo, è un campionato interessante, con piloti italiani velocissimi in tutte le categorie, come Bagniaia, Foggia e Bastainini, quindi l’Italia è sicuramente protagonista. Ovviamente in questo sport vince uno solo quindi bisogna vedere e sperare nei nostri campioni.

Mugello, 18 Giugno 2022 - Si accendono i motori a Scarperia per il terzo round stagionale del Campionato Italiano di Velocità, qua al Mugello, i team si preparano al fine settimana competitivo nella pista più veloce al mondo. La prima giornata di gara si è appena conclusa con risultati eclatanti, nonostante il torrido caldo che ha messo a dura prova i piloti. Vediamo aggiudicarsi il primo posto nella SBK a Michele Pirro, dopo un duro testa testa con il grande Mantovani che si aggiudica il secondo posto. Mentre si è rivelato un magnifico weekend per il pilota di Moto3 Nicola Carraro che ottiene il primo posto sul podio in volata davanti al gruppo dei giovani piloti Biagio Miceli, Alberto Ferrandez Beneite e Guido Pini, vincendo cosi la gara per una manciata di secondi.

Qui sotto i risultati delle altre gare della prima giornata del CIV 2022.

SUPERBIKE:
1° PIRRO Michele
2° MANTOVANI Andrea
3° CANEPA Niccolò

MOTO3:
1° CARRARO Nicola Fabio
2° MICELI Biagio
3° FERRANDEZ BENEITE Alberto

600 CIV – SS&SSNG
1° BALDASSARRI Lorenzo
2° MERCANDELLI Roberto
3° FERRARI Matteo

PREMOTO3
1° ZANNI Leonardo
2° URIATE DIEGO Brian
3° LIGUORI Edoardo

SS300
1° CARNEVALI Leonardo
2° VANNUCCI Matteo
3° COPPOLA ALFONSO

APRILIA RS 660 CUP
1° TOTH Maxwell
2° DE GRUTTOLA Giuseppe
3° SOMMARIVA Lorenzo